Monumenti e loughi di interese

Monumenti e loughi di interese
Monumenti e loughi di interese
 ARRIVO
   PARTENZA
 
Prenotazioni last minute Hotel scontati a Campings Veneto
Monumenti e loughi di interese

Venezia
- Basilica di San Marco a Venezia - detta anche Basilica marciana, è la chiesa più famosa del capoluogo veneto. È il più noto esempio di architettura bizantina in Italia, anche se mantiene caratteri dell'arte veneziana intrecciata con quella bizantina, mostrando il grande ruolo compiuto da Venezia come tramite tra Oriente e Occidente.La pianta della basilica è a croce greca con cinque cupole distribuite al centro e lungo gli assi della croce e raccordate da arconi. Le navate, tre per braccio, sono divise da colonnati che confluiscono verso i massicci pilastri che sostengono le cupole; essi non sono realizzati come blocco unico di muratura ma articolati a loro volta come il modulo principale: quattro supporti ai vertici di un quadrato, settori di raccordo voltati e parte centrale con cupoletta.
- Chiesa di Santa Maria dei Miracoli - è un edificio religioso sito a Venezia, nel sestiere di Cannaregio. Il tempio si presenta con una struttura rettangolare: la facciata si affaccia su un campo, il lato destro e l'abside su strette vie, mentre il lato sinistro affonda nell'acqua di un canale.L'interno presenta un'unica navata con volta a botte. Il presbiterio inizia con una ripida scalinata che porta al piano rialzato, elegantemente decorato da una balaustra con 4 statue e due pulpiti poligonali, il tutto in marmi policromi, opera di Tullio Lombardo con la collaborazione dei figli Tullio Lombardo e Antonio.
- Torre dell'Orologio - è un edificio rinascimentale situato in piazza San Marco a Venezia. Il quadrante dell'orologio è in oro e smalto blu; segna ora, giorno, fasi lunari e zodiaco. Un primo restauro fu eseguito nel 1757. Il restauro moderno, iniziato nel 1997, è stato terminato nel maggio del 2006 e inaugurato alla mezzanotte del 27 maggio. L'Orologio è dotato anche di un meccanismo a carillon, attivato tradizionalmente solo nel giorno dell'Epifania. A ogni scoccare di ora, il pannello laterale delle ore si apre per lasciare passare un carosello di statue in legno rappresentanti i personaggi della Natività e i Re Magi. Le statue, trascinate da un meccanismo a binario lungo la piattaforma semicircolare posta sopra al quadrante, rientrano poi nella Torre attraverso il pannello laterale dei minuti situato dal lato opposto dell'Orologio.
- Palazzo Ducale - uno simboli della città di Venezia e capolavoro del gotico veneziano, sorge nell'area monumentale di piazza San Marco, tra la Piazzetta e il Molo. Palazzo Ducale si sviluppa su tre ali attorno ai lati di un ampio cortile centrale porticato, il cui quarto lato è costituito dal corpo laterale della basilica marciana, antica cappella palatina. Le due facciate principali del palazzo, in stile gotico-veneziano rivolte verso la piazzetta ed il molo si sviluppano su due livelli colonnati sovrastati da un poderoso corpo a marmi intarsiati aperto da grandi finestroni ogivali, con monumentale balcone centrale, e coronamento di guglie. Accesso principale al cortile è la Porta della Carta, che, attraverso l' Androne Foscari, lungo ambiente di passaggio addossato alla basilica, conduce all'arco trionfale dedicato allo stesso doge Francesco Foscari. Il passaggio indirizza direttamente alla monumentale Scala dei Giganti, addossata alla facciata orientale.
- Piazzale Roma - è il principale snodo viario del centro storico della città di Venezia. Fu innagurato il 25 aprile 1933 come svincolo del nuovo ponte "Littorio", ora Ponte della Libertà. È un punto fondamentale di interscambio tra mezzi pubblici che smistano residenti e turisti. Accoglie grandi garage a pagamento per chi sosta e ha intenzione di fermarsi in città.
- Ponte di Rialto - è uno dei quattro ponti - assieme al Ponte dell'Accademia, al Ponte degli Scalzi e al Ponte di Calatrava attualmente in fase di rifinitura - che attraversano il Canal Grande. Dei quattro, il ponte di Rialto rimane il più antico e sicuramente il più famoso. L'attuale ponte in pietra ad arcata unica, disegnato da Antonio da Ponte, fu completato nel 1591. La struttura è molto simile a quella del precedente ponte in legno. Due rampe inclinate, con negozi su entrambi i lati, portano a una sezione centrale. Tutto il ponte è coperto da un porticato.



Verona, Padova

Verona
- Porta Borsari - è una porta delle mura romane di Verona. La facciata conservata, in blocchi di calcare bianco locale, presenta due passaggi arcuati, inquadrati ciascuno da due semicolonne con capitelli corinzi, sorregenti trabeazione e frontone. Al di sopra è una parete articolata in due piani sovrapposti, ciascuno decorato da un ordine apposto con la trabeazione mossa da rientranze e sporgenze. La facciata era decorata in ogni sua parte, essendo la principale porta d'ingresso alla città.
- Arena di Verona - è un anfiteatro romano situato nel centro storico di Verona, icona della città veneta assieme alle figure di Romeo e Giulietta. L'anfiteatro veronese sorse a circa 70-80 m dalle mura repubblicane della città, di fronte all'angolo formato dalla cinta cittadina a meridione. L'elemento base della pianta dell'anfiteatro è costituita dall'ellisse dell'arena, che fu quasi sicuramente tracciato sul terreno all'inizio dei lavori: il perimetro esterno dell'anfiteatro si ottenne poi tracciando una linea concentrica a quella dell'arena. L'arena misura 75,68 m x 44,43 m, ovvero 250 x 150 piedi romani, dunque una cifra tonda, a conferma della semplicità del modulo base utilizzato, con un rapporto tra asse maggiore e asse minore di 5 a 3. L'aspetto del monumento è oggi piuttosto diverso rispetto a quello originale, in particolare per via della mancanza dell'anello esterno, che sarebbe stata la vera facciata monumentale, compito oggi svolto dalla fronte interna, lasciata scoperta dalla terza galleria, presente solo nella cosiddetta ala, composta da quattro archi, l'unico tratto rimasto in piedi della cinta esterna.
- Basilica di San Zeno a Verona - è considerata uno dei capolavori del romanico in Italia. Si sviluppa su tre livelli e l'attuale struttura fu impostata nel X-XI secolo. L'interno della chiesa è su tre livelli, dal basso: la Cripta, la parte centrale, detta anche chiesa plebana e il Presbiterio. La pianta della chiesa è a croce latina a tre navate. La parte centrale detta anche "chiesa plebana" è a tre navate a croce latina. Il campanile è staccato dalla chiesa. La torre campanaria è alta 72 metri.
- Ponte di Castel Vecchio - conosciuto anche come Ponte Scaligero, si trova a Verona sul fiume Adige e fa parte di Castel Vecchio. L'ampiezza delle arcate e la mole dei piloni è studiata in modo di resistere alla diversità della forza d'urto della corrente nell'ansa del fiume. L'arcata maggiore era ardita per quei tempi, lunga addirittura 48,70 metri, contro i 29,15 ed i 24,11 delle altre due. I due piloni sono larghi 12,10 metri e 6,30 metri, e lunghi rispettivamente 19,40 metri e 17,30 metri. Il ponte è quindi lungo più di 120 metri.
- Piazza dei Signori - conosciuta anche come Piazza Dante, è una piazza situata nel centro storico di Verona, adiacente a piazza delle Erbe. Il palazzo del Comune fu costruito alla fine del XII secolo e la facciata venne in parte modificata nel XIX secolo. Sulla sua destra si può passare tramite un arco al Mercato Vecchio. Palazzo di Cansignorio, sede del potere politico scaligero e veneziano. Del palazzo originale rimane il torrione medioevale, mentre più recente, cinquecentesca, è il resto della facciata, progettata e realizzata dal Sanmicheli, oltre alla famosa porta dei Bombardieri, del 1687. Chiesa romanica Santa Maria Antica, piccola chiesa amata dalla famiglia scaligera. Sul portale è collocato anche il sarcofago di Cangrande I della Scala. Palazzo del Podestà si trova vicino la chiesa di Santa Maria Antica; costruito dai scaligeri, porta i tipici merli ghibellini. I veneziani, nel 1404, aprirono un nuovo portale e aggiunsero sopra il leone di San Marco.
- Palazzo Maffei - si trova a Verona, delimita il lato nord occidentale di piazza Erbe. Il palazzo Maffei è stato costruito in stile barocco, leggermente più in alto del terreno, infatti sotto sono presente i resti del campidoglio romano.

Padova
- Duomo di Padova - è la terza cattedrale della città a succedersi nello stesso luogo. La prima fu costruita dopo l'Editto di Costantino del 313 e distrutta dal terremoto del 3 gennaio 1117. Fu ricostruito un edificio in stile romanico, visibile negli affreschi di Giusto de' Menabuoi nel battistero.
- Basilica di Sant'Antonio a Padova - conosciuta dai padovani semplicemente come il Santo, e la più importante chiesa della città e una delle più grandi e visitate al mondo. È caratterizzata da una perfetta armonizzazione di diversi stili: la facciata romanica, i contrafforti che si sviluppano fino a diventare archi rampanti che, in parallelo, scandiscono con regolarità lo spazio, le cupole di stile bizantino. I campanili richiamano, poi, quelli di San Marco a Venezia, ma è, del resto, tutto lo spazio coinvolto ad essere bizantino, con la mediazione di Venezia.
- Palazzo della Ragione - era l'antica sede dei tribunali cittadini di Padova. Il piano superiore è occupato dalla più grande sala pensile del mondo, detto "Salone" con soffitto ligneo a volta. Gli affreschi originali, attribuiti a Giotto andarono distrutti nell'incendio del 1420. Il Salone è affrescato da un grandioso ciclo di affreschi a soggetto astrologico basati sugli studi di Pietro d'Abano.
- Palazzo Liviano - è un edificio padovano del XX secolo, costruito nella zona del vecchio capitaniato della città: infatti, fu edificato incorporando nella sua struttura i resti dell'antico Palazzo del Capitanio, tra cui spicca la Sala dei Giganti. Intitolato in onore dello storico Tito Livio, oggi ospita la facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Padova.
- Museo Archeologico - ospita reperti di epoca preromana, provenienti da necropoli patavine, databili dall'VIII al III secolo a.C., vasi decorati risalenti al terzo periodo atestino, stele paleovenete, oggetti votivi, bronzetti etruschi, italici e paleoveneti. La ricca sezione romana ospita tra l'altro il busto di Sileno, il cippo funerario della danzatrice Claudia Toreuma, la monumentale edicola funeraria dei Volumnii e numerosi mosaici di epoca tardo-romana. Due sale sono riservate a reperti egiziani recuperati dal padovano Giovanni Battista Belzoni.


Vicenza, Rovigo

Vicenza
- Basilica Palladiana - è un edificio pubblico che affaccia su Piazza dei Signori a Vicenza. Dall'inizio del 2007 hanno avuto inizio importanti lavori di restauro del monumento: la copertura è stata sezionata per rimuovere gli arconi portanti in cemento armato della ricostruzione postbellica e sostituirli con più leggeri archi in legno. È previsto inoltre che tutte le facciate vengono pulite e ristrutturate e che l'edificio venga dotato di una nuova illuminazione.
- Palazzo Chiericati - oggi pinacoteca civica, fu costruito tra il 1550 e il 1680. Il grande palazzo è costituito da un corpo centrale con due ali simmetriche leggermente arretrate, dotate di grandi logge al livello del piano nobile. L'armonica facciata è strutturata in due ordini sovrapposti, soluzione fino ad allora mai utilizzata per una residenza privata di città, con un coronamento di statue.
- Teatro Olimpico - iniziato nel 1580 quale ultimo progetto di Palladio e finito dall'allievo Vincenzo Scamozzi, è generalmente ritenuto il primo esempio di teatro stabile coperto dell'epoca moderna. Fu inaugurato il 3 marzo 1585 con la rappresentazione dell'Edipo re di Sofocle ed è tuttora utilizzato.
- Villa Capra detta la Rotonda - costruita da Palladio a partire dal 1566 circa a ridosso della città, è una innovativa villa suburbana originariamente intesa per funzioni di rappresentanza, ma anche come tranquillo rifugio di meditazione e studio.
- Palazzo Leoni Montanari - è un edificio barocco sito a Vicenza e risalente al 1678. Ospita al suo interno un importante museo in cui sono raccolti alcuni capolavori della pittura veneta del Settecento e una collezione di antiche icone russe. Il palazzo nacque dall'esigenza della famiglia Leoni Montanari di promuoversi socialmente all'interno della nobiltà vicentina.
- Loggia del Capitanio - è un palazzo di Andrea Palladio che si affaccia sulla centrale Piazza dei Signori, di fronte alla Basilica Palladiana. Fu decorato da Lorenzo Rubini. Oggi è sede del consiglio comunale. Da marzo 2008 anche la Loggia sta subendo un intervento di restauro che dovrebbe concludersi nel settembre dello stesso anno.
- Parco Querini - è uno dei principali polmoni verdi della città di Vicenza ed ha un estensione di 120.000 metri quadrati. Parco Querini si colloca nel settore nord-orientale del centro storico, circondato per due lati dalle sponde del Bacchiglione e dal suo affluente Astichello, e per il terzo lato dalla linea delle mura veneziane, lungo l'odierno viale Rodolfi.

Rovigo
- Palazzo Angeli - è un palazzo nobiliare nella città di Rovigo. L'edificio venne realizzato a conclusione di un periodo di grande attività architettonica nella cittadina veneta.Si basava sullo stile neoclassico con un retaggio del lavoro di Michele Sanmicheli.
- Porta San Bortolo - è la meglio conservata delle due porte rimaste della cinta muraria della città di Rovigo. Si affaccia sull'attuale Piazza Merlin, mettendola in comunicazione il centro cittadino con il quartiere meridionale di San Bartolomeo.
- Chiesa di Santa Maria del Soccorso - è un edificio religioso situato a Rovigo, peculiare per la sua forma architettonica a pianta ottagonale e per gli eventi storico-religiosi legati all'evoluzione socioculturale della città. Il corpo della costruzione è composto da due strutture a pianta ottagonale, quella interna dedicata alla chiesa e quella esterna a porticato agibile su sette lati, l’ottavo è occupato dalla sacrestia, e nel quale sono stati murati negli anni, oltre a monumenti celebrativi, elementi architettonici provenienti da strutture ora scomparse, alcuni dai ponti che attraversavano il centrale Adigetto. La struttura ottagonale interna, dotata di tre finestroni affiancati per ogni lato, si innalza sorreggendo un tetto ad elementi spioventi, finito di realizzare nel 1622, che sostituisce l’originaria cupola, demolita nel 1606 a causa di sopravvenuti cedimenti strutturali della stessa. Il campanile, che si innalza nell'adiacente piazzetta per 57 metri, venne progettato dall'architetto Baldassarre Longhena e successivamente realizzato.

Roma Hotel Venezia Hotel Firenze Hotel Milano Hotel

Roma

Caput Mundi, città eterna, questi sono solo alcuni degli aggettivi che si sprecano, per questa città fatta di storia. Soggiorno consigliato da 3 a 5 giorni

Venezia

La città lagunare è una delle mete turistiche d'elite più famose e particolari del mondo. Romantica e raffinata ospita strutture ricettive di altissimo livello

Firenze

Città dell'arte per eccellenza., il miglior modo per visitare Firenze è lasciarsi trasportare senza fretta dal fascino e dalla bellezza delle sue opere. Consigliati 2 week-end

Milano

Considerata da tutti la capitale d'Italia per l'economia e gli affari, riserva altresì molti lati nascosti per il turista attento. Oltre 400 hotel.
campings.veneto.it - Copyright 2008